dom 16.06.2024 • Ticino

Alpe di Magnello e la pietra ollare, Valle di Campo

Escursioni guidate Escursioni guidate
20 spot

Alpe di Magnello e la pietra ollare, Valle di Campo

Partendo da Cimalmotto, si passa per la chiesa centrale per poi salire in direzione della croce, il sentiero prosegue diritto a tratti su strada sterrata e asfaltata fino al bivio dove passiamo a sinistra sopra il ponte e il riale, il sentiero di destra prosegue per Quadrella. Arrivati a Fontanella, ultimi stabili prima di entrare nel bosco, che terminerà quando arriveremo al Ri di Magnello. Qui si sale in direzione dell’Alpe di Magnello dove faremo la pausa pranzo. L’alpe presenta delle peculiarità molto interessanti nel contesto del paesaggio rurale della Vallemaggia, e dal profilo architettonico (struttura del nucleo tipicamente a casadella e cioè caratterizzata da numerosi stabili di proprietà privata in cui ogni famiglia accudiva il proprio bestiame e faceva il proprio formaggio), geografico (confine con l‘Italia non definito da uno spartiacque) e paesaggistico (adagiato su un terrazzo naturale rivolto a sud-est da dove si gode uno stupendo colpo d‘occhio sulle montagne situate tra la Rovana e l’Onsernone). Il paesaggio di Magnello è anche caratterizzato dalla presenza di suggestivi pascoli alberati con larici secolari, da alcuni geotopi e biotopi di grande valore e dal bellissimo nucleo dell’alpe caratterizzato da numerose testimonianze dell’architettura rurale di un tempo. La zona dell'Alpe di Magnello, tra il 18mo e 19mo secolo, fu ampiamente interessata all’estrazione della pietra ollare. I luoghi principali d’estrazione erano Fontanella, alla Costa di Magnello e al Piano dei Turnitt, luogo che deve il suo nome proprio al fatto che in loco erano presenti uno o più torni per la lavorazione della pietra ollare. Poco a monte delle ultime cascine dell’Alpe è evidente un grosso masso di pietra ollare sulla cui superficie sono scolpite numerose tracce di estrazione. Secondo gli studiosi qui furono estratti centinaia di cilindri per la produzione di oltre 2000 laveggi e vasi. Suddetta cava di pietra ollare è un bene geologico e una testimonianza etnografica di inestimabile interesse e valore, pertanto è protetta a livello nazionale. Progetto e recupero. Nel 1950 c’erano ancora 11 famiglie che trascorrevano l’estate sull’alpe. Poco prima del 1990 l’ultimo alpigiano depose i suoi attrezzi e abbandonò l’alpeggio, alcuni edifici erano ridotti a ruderi. Alcuni anni dopo l’alpe è di nuovo in funzione per la stagione estiva, gestito dalla famiglia Senn titolare dell’azienda agricola bio di montagna “Munt la Reita” di Cimalmotto.
Percorso

Cimalmotto (1403) – Fontanella (1577) – Alpe di Magnello (1743) – Piano della Stufa (1361) – Pianelli (1410) - Cimalmotto (1403)

Cibo

Pranzo al sacco

Attrezzature

Scarponi da montagna o da trekking, vestiti adatti alla stagione, zaino comodo con pranzo al sacco e bibite, ev. bastoni, protezioni contro la pioggia, il sole e il vento, farmacia personale (in particolare medicamenti).

Punto d'incontro
09:00h Cimalmotto, parcheggio e fermata Autopostale
Inizio escursione
09:10h Cimalmotto, parcheggio e fermata Autopostale
Fine dell'escursione
15:00h Cimalmotto, parcheggio e fermata Autopostale
Informazioni aggiuntive

Su tutto il percorso ci sono alcune brevi salite. Prima di partire vi raccomandiamo di verificare se l’itinerario è adatto alle vostre capacità (durata complessiva di marcia – dislivelli) e di avere l’equipaggiamento adeguato.

Guida

Raffaella Gad-Giulietti, +41 78 712 22 78
raffilech@yahoo.com

Costi

Costo: fr. 15.- soci TicinoSentieri / fr. 25.- non soci TicinoSentieri

Associazione per l'escursionismo

TicinoSentieri

Informazione

Iscrizione possibile fino al 13.06.2024
Informazioni per la registrazione

Tag

Escursione in montagna Ticino Ticino Media T2

Cliccando su un tag, puoi aggiungerlo al tuo account e ottenere contenuti personalizzati in base ai tuoi interessi. I tag possono essere salvati solo in un account.