• Il torrente Isorno entra in Svizzera dopo aver attraversato la frazione di Bagni di Craveggia. Foto: Peter Kleiner

    Il torrente Isorno entra in Svizzera dopo aver attraversato la frazione di Bagni di Craveggia. Foto: Peter Kleiner

  • Natura selvaggia e pace totale: dalla cima del Pilone si apre la vista sulle valli ticinesi.

    Natura selvaggia e pace totale: dalla cima del Pilone si apre la vista sulle valli ticinesi.

    Spruga — Comologno • TI

    Sulla cima del Pilone

    Vista sulla Valle Onsernone divisa

    Generalmente i fiumi nascono in Svizzera per poi scorrere nei Paesi limitrofi. Dall’alto del monte Pilone, che segna il confine di stato, si ha la conferma che il torrente Isorno è l’eccezione a questa regola. Guardando giù dalla cima si può infatti ammirare la fonte dell’Isorno, che sgorga in territorio italiano. Il punto di partenza per questa escursione è Spruga. Il sentiero a gradini si inerpica ripido fra pascoli e case fino al paesino di Pian Secco. Da qui, attraverso un luminoso bosco di larici, il sentiero largo continua fino all’Alpe Pesced e conduce poi al Passo del Bùsan attraversando il fianco del monte Munzelüm. Un sentierino ben tenuto porta fino in cresta al Pilone. Qui corre il confine di stato. Una convenzione stipulata nel 1806 tra il Regno d’Italia, il Ticino e la Confederazione assegnò la parte più alta della valle all’Italia, mentre gli insediamenti abitativi rimasero alla Svizzera. Dalla cima, volgendo lo sguardo a sud, si offre alla vista un paesaggio selvaggio ormai pressoché disabitato incorniciato dai monti. Ormai gli alpeggi sono quasi inesistenti perché il bosco ha in parte riconquistato i pascoli. Anche a fondo valle la vista si perde fra i boschi che racchiudono pittoreschi villaggi sulla parte sinistra della valle. A questo punto si fa ritorno al Passo del Bùsan per scendere ripidamente al Laghetto dei Saléi, uno fra i più bei laghi di montagna ticinesi. Da qui si prosegue l’escursione scendendo dall’Alpe Saléi a Comologno dove, oltre a rustici ci sono anche bei palazzi costruiti dagli emigranti arricchitisi lasciando la stretta valle per far fortuna altrove.

    Informazione

    Spruga e Comologno sono raggiungibili in autopostale da Locarno. Chi desidera abbreviare l’escursione può prendere la funivia dall’Alpe Saléi alla Valle di Vergeletto.

    Bar Onsernonese a Spruga, 091 797 17 83
    Palazzo Gamboni a Comologno, 091 780 60 09, www.palazzogamboni.ch
    Osteria Al Palzign a Comologno, 091 797 20 68
    Capanna Alpe Salèi, 091 797 20 32, www.alpesalei.ch

    Escursione Nr. 1449

    Revisione 2024 ‒ Presentato da Sentieri Svizzeri

    Peter Kleiner, 2018

    Percorso dell'escursione

    Mostra su swisstopo
    Spruga
    0:00
    Spruga
    Spruga

    Pian Secco
    0:50
    0:50
    Alpe Pesced
    1:45
    0:55
    Passo del Bùsan
    2:25
    0:40
    Pilone
    3:00
    0:35
    Passo del Busan
    3:25
    0:25
    Laghetto dei Saléi
    3:35
    0:10
    Capanna Alpe Saléi
    3:55
    0:20
    Ligünc
    4:45
    0:50
    Comologno
    5:15
    0:30
    Comologno, Paese
    Comologno, Paese

    Profilo di altezza

    Tag

    Ticino Ticino Escursione in montagna Estate Escursione in vetta Escursione sul crinale Escursione in alta montagna Escursione in alta quota e panoramica Alta T2

    Cliccando su un tag, puoi aggiungerlo al tuo account e ottenere contenuti personalizzati in base ai tuoi interessi. I tag possono essere salvati solo in un account.